Accademia Gin Parodi

L' Associazione di Promozione Sociale Accademia Gin Parodi è nata a Genova nel 2011 dalla volontà di 10 soci fondatori per la salvaguardia e la conservazione della decorazione dipinta tradizionale ligure.

I soci fondatori operano insieme dal 2005, attraverso la loro attività indipendenti, nella convinzione della necessità di diffondere il prezioso sapere lasciato dal maestro Parodi. Tramite azioni di natura divulgativa e didattica, hanno deciso di dare forma scritta allo statuto acquisendo così nuova linfa per stimolare la crescita dell'accademia.

Lo scopo dell’Accademia Gin Parodi è quello di  riconoscere, conservare e trasferire nel tempo il bagaglio strutturale operativo della decorazione tradizionale. Trasferire le modalità operative da un soggetto  all’altro ma anche conversare con il teorico utente della decorazione, con “chi guarda”, con l’uomo della strada, con l’appassionato, con il direttore del lavori, con i tecnici incaricati dagli organi preposti alla tutela del patrimonio storico, artistico, edilizio.

Principali attività dell'accademia, (dallo statuto: Art. 3):

1. intende attivare un programma di natura didattica rivolto ad un pubblico vario (utente amatore, studente a corsi strutturati, didattica rivolta alle scuole, didattica di perfezionamento da attuare per i propri soci) relativo ai temi inerenti il saper fare pratico, la conoscenza della antica decorazione, il saper guardare e valutare la decorazione.

2. intende attivare un programma di natura conoscitivo-culturale rivolto alla crescita dei propri iscritti attraverso ricerche su maestri e/o pittori del passato, su filoni tecnico-espressivi antichi, anche attraverso visite, sopralluoghi e lezioni in sito.

3. intende attivare una campagna di identificazione e rilievo delle facciate tradizionali ancora esistenti sul territorio Ligure al fine di contrastare, per lo meno dal punto di vista conoscitivo, il fenomeno di cancellazione da venti anni in atto.

4. si propone di instaurare un rapporto di dialogo e di interscambio culturale e collaborazione  gli organi di tutela preposti, con gli organi dello Stato e in particolare con gli organi centrali del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con l’Università, gli Enti Locali.

5. si propone di impostare e portare avanti un dibattito sul tema della qualità della decorazione dipinta, sul problema della mancanza di un albo professionale e della promiscuità professionale con i restauratori.

6. l’Accademia ha completa autonomia scientifica, di progettazione culturale, gestionale, tecnica  ed economica.

 


 

ACCADEMIA